Free songs

FORGOT YOUR DETAILS?

Domande Frequenti

 Sono diversi termini usati per indicare l’alterazione dei valori naturali di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico presenti da sempre sulla Terra. Tale alterazione è prodotta dall’uomo con l’utilizzo di sorgenti artificiali.
 Qualsiasi apparecchiatura elettrica genera un campo elettromagnetico. Le principali sorgenti esterne presenti nelle città sono gli elettrodotti e le cabine di trasformazione, le stazioni radiobase per i telefoni cellulari e le antenne trasmittenti delle radio e delle televisioni; in casa, invece, sono tutti gli elettrodomestici, l’impianto elettrico, i telefoni “cordless”; infine, la sorgente più diffusa è il telefono cellulare.
Ogni sorgente ha una sua caratteristica e, quindi, genera valori differenti di campo elettromagnetico che dipendono da diversi fattori; alcuni di questi sono la potenza, il tipo di irradiazione, la distanza dal nostro corpo.
 Esistono diversi rischi che dipendono dai valori di campo e dalle condizioni di esposizione prolungata; in alcuni casi sono stati accertati effetti nocivi, in altri sono ancora in corso gli studi scientifici. Le conseguenze per l’ambiente sono sicuramente di natura estetica e paesaggistica; indagini scientifiche stanno valutando gli effetti a lungo termine.
Si, esistono specifiche normative internazionali, leggi nazionali, regionali e anche Regolamenti Comunali. L’Italia ha una Legge fra le più cautelative esistenti al mondo.
L’organo di controllo è l’A.R.P.A. (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente), il Sindaco ha una precisa responsabilità come massimo ufficiale sanitario.
Sono diversi i rimedi che si possono adottare in casa o a livello personale: riguardano soprattutto il corretto utilizzo sia degli elettrodomestici che del “telefonino”. Per le sorgenti esterne, invece, bisogna far misurare i valori presenti negli ambienti in cui viviamo o informarsi sulle condizioni di esposizione. Il diritto all’informazione così come quello alla salute sono sanciti e tutelati dalla Legge.
TOP