Free songs

FORGOT YOUR DETAILS?

GeoCem per le Pubbliche Amministrazioni

Gli Enti Comunali sono tenuti a pianificare e controllare gli effetti sulla salute dei cittadini degli impianti che producono C.E.M presenti sul proprio territorio, in particolare per quelli relativi a telefonia mobile Wi-Fi, Wi-Max, Wi-Lan ed LTE (4G) e impianti Radio e Televisivi.


geocem

GeoCem consente di strutturare efficacemente ogni intervento incidendo significativamente nei processi di pianificazione, nel controllo dei livelli di inquinamento e nelle politiche di informazione alla cittadinanza

La piattaforma GeoCem supporta le P.A. nell’adempimento degli obblighi succitati, attraverso una serie di protocolli così articolati:

  1. Catasto delle sorgenti elettromagnetiche che producono C.E.M;
  2. Misura e monitoraggio puntuale e/o continuo dei livelli di campo elettromagnetico ;
  3. Rete di centraline per il monitoraggio in continuo dei campi elettromagnetici;
  4. Disciplina delle installazioni;
  5. Assistenza tecnico-amministrativa;
  6. Portale web del’elettroinquinamento per la divulgazione/informazione.

 

1. Catasto delle sorgenti Elettromagnetiche

Per l’espletamento delle attività di gestione e definizione della Disciplina delle sorgenti ad alta frequenza, è necessaria la costruzione preventiva di un quadro conoscitivo che comprenda dati e/o informazioni caratterizzanti il processo decisionale.

  1. Raccolta ed informatizzazione delle mappe di base. Recupero delle informazioni cartografiche e documentali d’interesse
  2. Costruzione di un database relativo alle sorgenti di campi elettromagnetici ad alta frequenza (individuate dalla normativa nazionale e regionale di riferimento) presenti sul territorio, completo dei relativi dati tecnico-strutturali.
  3. Analisi tecnico – infrastrutturale e ricostruzione della situazione reale attraverso la verifica del numero di antenne installate, la corrispondenza  marca/modello dichiarati e la direzione di puntamento
  4. Verifica della presenza e dell’ubicazione esatta degli impianti attivi, attraverso la produzione di una documentazione fotografica quale attestazione dello stato di fatto degli impianti

2. Misura e monitoraggio dei livelli di C.E.M.

capursoIl quadro conoscitivo si completa con una prima campagna di misure e monitoraggio dei campi elettromagnetici ad alta frequenza ed a banda larga.
La campagna si applica in particolare per i siti sensibili, ma anche verso quei punti che paiono particolarmente esposti alle emissioni, ovvero quelli in prossimità delle direzioni di massimo irraggiamento delle antenne installate, secondo i criteri tecnici riportati nella norma CEI 211-7.

I valori ottenuti, indicheranno immediatamente l’eventuale presenza di  situazioni di superamento delle soglie di inquinamento elettromagnetico consentite, onde attivare, ricorrendone i presupposti,  le obbligatorie misure di salvaguardia previste dalla legge poste a carico innanzitutto alla Amministrazione Comunale.

In altri casi, la mappatura evidenzierà per quali siti, in presenza di particolari caratteristiche degli impianti  emittenti C.E.M. o di livelli di inquinamento elettromagnetico al limite delle soglie massime, sia necessario predisporre un servizio di monitoraggio continuo dei livelli di inquinamento mediante reti di centraline.

In sintesi,  la mappa dell’inquinamento elettromagnetico per tutto il territorio comunale è  essenziale per completare  la fase di costruzione del quadro conoscitivo e  propedeutica per ogni attività successiva di intervento o disciplina di installazioni degli impianti.

3. Rete di centraline per il monitoraggio in continuo dei campi elettromagnetici

reteIl metodo migliore per il controllo e la vigilanza sui livelli di inquinamento elettromagnetico consiste in una sistema di monitoraggio in continuo costituito da centraline dislocate sul territorio. La rete di centraline posizionate nei punti più significativi (scuole, asili, ospedali, luoghi pubblici, quartieri in cui sono presenti diverse sorgenti CEM) comunica i valori registrati ad un centro di elaborazione e validazione dati per la condivisione pubblica dei dati in una apposita sezione del sito internet comunale.

Il monitoraggio continuo consente di tenere sotto osservazione diverse zone o impianti nello stesso periodo e per tempi prolungati acquisendo una rilevante quantità di dati con i quali è possibile, ove necessario, focalizzare ulteriori e più approfonditi interventi con strumentazione sofisticata sulle situazioni più critiche per la loro complessità e/o per la necessità di risanamenti. La stessa infrastruttura di rete può essere potenziata gradualmente con un numero sempre maggiore di centraline. Le centraline possono essere spostate periodicamente per monitorare più punti del territorio, seguendo un programma predefinito o a seconda di nuove esigenze di controllo. Il servizio comprende l’installazione e la gestione della rete che può essere o di proprietà comunale o con formula di noleggio.

 

 


4. Disciplina delle installazioni

Per le Amministrazioni Comunali diventa fondamentale dotarsi di una Disciplina delle installazioni per gli impianti di telefonia mobile Wi-Fi, Wi-Max, Wi-Lan ed LTE (4G)  e impianti Radio e Televisivi elaborata secondo i criteri previsti dalla legge nazionale e regionale.
La Disciplina persegue i principi di precauzione, minimizzazione e non discriminazione dell’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici e rispetta i criteri di localizzazione e gli obiettivi di qualità più cautelativi secondo le norme vigenti del settore.

  • Studio delle Informazioni di Base e Formulazione delle proposte di Localizzazione
  • Studio delle nuove installazioni, modifiche, riqualificazioni di impianti esistenti da sottoporre all’attenzione degli attori coinvolti nella problematica, nonché verifiche sulla presenza di vincoli urbanistico-ambientali insistenti nei siti proposti
  • Previsione dell’impatto elettromagnetico generato dalle nuove installazioni a partire dalle misure del campo elettromagnetico di fondo
  • Partecipazione a tavoli tecnici, conferenze di servizio, ad incontri e sopralluoghi con gli operatori per l’analisi dei siti oggetto dell’intervento, in modo da garantire l’ottimale copertura del territorio secondo le tecnologie utilizzate da ognuno di essi

5. Assistenza tecnico-amministrativa

Un indispensabile supporto tecnico-amministrativo finalizzato a rendere rapida  ed efficace azione della pubblica amministrazione:  consiste nell’analisi della documentazione relativa alle sorgenti di campi elettromagnetici depositata presso gli uffici comunali, nello studio della situazione giuridico-amministrativa relativa ad ogni impianto installato o ad una nuova richiesta di installazione o implementazione. L’assistenza può completarsi con la formulazione di un parere in merito alla problematica specifica o alla risoluzione di un contenzioso alla luce delle ultime sentenze/norme in materia.

Il servizio è espletato prioritariamente per via telematica o, solo nei casi strettamente necessari, programmando interventi in loco.

Relativamente alle sorgenti radio-televisive, qualora ci siano impianti e/o situazioni che necessitano di riqualificazione e/o risanamento a norma di Legge, vengono analizzati tutti gli impianti sia in relazione alla configurazione radioelettrica installata che all’aspetto tecnico-urbanistico delle strutture di sostegno delle antenne.


6. Divulgazione delle informazioni attraverso il Portale Web dell’Elettroinquinamento

portaleStrumento di informazione,  interscambio e coordinamento delle attività in materia di inquinamento elettromagnetico tra gestori delle sorgenti, cittadini e amministratori comunali. Fondamentale per l’attuazione di una politica ambientale che sappia informare e coinvolgere i cittadini in un processo partecipativo.

Accessibile direttamente dal sito istituzionale dell’amministrazione comunale, il portale sarà costruito in modo da essere utilizzato da ogni tipologia di utente (uffici comunali, gestori, cittadini, professionisti, imprese, etc )

TOP